Principi fondamentali

L'erogazione dei Servizi avviene nel rispetto dei seguenti principi fondamentali:

Eguaglianza: le prestazioni sono erogate senza distinzione di sesso, razza, lingua, ceto sociale, religione ed opinioni politiche

Imparzialità: le prestazioni sono erogate attraverso comportamenti obiettivi, equi, trasparenti ed imparziali

Continuità: l'Istituto garantisce 1'attuazione del programma in modo continuativo e senza interruzioni nell'ambito delle modalità di funzionamento definite da norme e regolamenti nazionali e regionali

Diritto di scelta: l’Istituto garantisce l'attuazione del diritto di scelta dell’utente e garantisce l'informazione tecnica all‘utente che per le caratteristiche non rientra nei criteri di erogazione dei programmi riabilitativi

Appropriatezza: le prestazioni sono "appropriate" quando sono al tempo stesso pertinenti rispetto alle persone, circostanze e luoghi, valide da un punto di vista tecnico-scientifico e accettabili sia per i clienti che per gli operatori

Partecipazione: l’lstituto garantisce la partecipazione degli utenti e delle famiglie attraverso le seguenti modalità:
  1. concessione di spazi, preventivamente individuati per le riunioni familiari 
  2. attivazione di un efficace sistema d’informazione sulle prestazioni erogate e le relative modalità di accesso 
  3. periodiche rilevazioni del grado di soddisfazione da parte dell‘utenza delle prestazioni con questionario predisposto 
Efficienza ed efficacia: l’Istituto è costantemente impegnato a garantire che le prestazioni erogate corrispondano ai criteri di efficienza ed efficacia

Eguaglianza dei diritti: i servizi sono erogati secondo regole uguali per tutti, inoltre va garantito il diritto alla differenza, rimovendo ogni possibile causa di discriminazione e promovendo trattamenti che tengono conto delle specificità derivanti dall'età, dal sesso, dalla nazionalità, dalla cultura e dalla religione

Rispetto dei diritti della dignità e della riservatezza: in nessun modo le esigenze terapeutiche organizzative debbano compromettere il rispetto della persona malata.
Entra nel sito